Attività

Attività didattiche


°       TORINO 12 OTTOBRE 2018 DAVIDE DAINESE-2

°       DAVIDE DAINESE – Attualità – Antlo

INTERVISTA A: DAVIDE DAINESE

Gli efficientissimi colleghi del Nord Ovest anche questo mese non ci fanno mancare “Intervista a…”
È il turno della Liguria che ci presenta un combattivo Davide Dainese alle prese con i cambiamenti della professione, l’associazionismo e le aziende produttrici di nuove tecnologie. Da non perdere!

Nel giro di interviste ai nostri “odontotecnici a Nord Ovest” siamo arrivati in Liguria. La nostra chiacchierata questa volta profuma di mare e la facciamo con Davide Dainese.  Davide si diploma all’Istituto P. Gaslini di Genova, dove vive e lavora da titolare di laboratorio dal 1981, sviluppando la sua preparazione nel campo della precisione ed estetica. Da richiesto relatore svolge la sua attività sia in Italia sia all’estero. Coautore di diversi libri è anche autore di numerose e apprezzate pubblicazioni nazionali e internazionali. Professore a contratto presso la Clinica Odontoiatrica dell’Università di Genova e Docente al Corso di perfezionamento in implantoprotesi all’Università di Milano. Ex membro del direttivo ARCO, ex Presidente ANTLO Liguria, membro del Comitato Edit. di QDT, socio ordinario AIOP.

D. Ciao Davide, ti ringraziamo per la disponibilità e cominciamo subito con una domanda “tosta”. Stiamo assistendo ad un cambiamento epocale della nostra professione. Da relatore affermato, ma anche da imprenditore ligure (quindi… attento), come vedi questa evoluzione dell’odontotecnico che va inevitabilmente verso le nuove tecnologie? Le “macchine” faranno il lavoro al posto nostro? Magari negli studi dentistici invece che nei laboratori?
R. Premetto le macchine sono e resteranno macchine e senza un uomo che le fa funzionare sono oggetti senza valore! Direi che per troppi anni la nostra professione è rimasta “bloccata” in fasi di lavorazioni troppo manuali! Dico sempre, chiudete gli occhi, e ripercorrete tutti i passaggi di lavoro che ci vogliono dal momento in cui arriva la telefonata… “C’è da ritirare!”…a quando smuffoliamo la nostra fusione. Fatelo e vi renderete conto di quanto sapere (materiali da impronta, materiali di sviluppo, cere, resine, rivestimenti ecc) quanta attenzione e quanta fatica, per arrivare ad una struttura, che di per sé (tranne in pochi casi) non ha ancora un valore, ma ha impiegato per la sua esecuzione almeno il 60% delle energie del nostro laboratorio! Quindi, detto questo, ben vengano le macchine! Fino a poco tempo fa, pensare che una macchina potesse fare un dente, magari anche meglio (da un punto di vista morfologico) di un odontotecnico sembrava impossibile, ma, come spesso accade, ci sbagliavamo. Il progresso è arrivato e il cambiamento è in atto. Ora, una macchina, come viene dimostrato in Formula Uno o in Moto GP, va “guidata” e qui, tornando a noi, ci saranno laboratori che la “guideranno” meglio di altri, (non dimentichiamoci che i prodotti che escono da queste nuove tecnologie sono “grezzi” e necessitano fasi di lavoro per portarli a termine) applicando le conoscenze, attenzioni e tutto ciò che hanno usato nei modi produttivi tradizionali. Insomma il nostro valore aggiunto è questo e non va perso!!!
Diverso è il discorso “macchine negli studi”.
Come, giustamente, un dentista non vuole che un odontotecnico, abusi nel suo lavoro, io PRETENDO, che nessun dentista ABUSI nel mio! Pensi a fare bene il proprio, invece di cercare di vendere prodotti risparmiando sull’odontotecnico, pensando di guadagnare di più. Qui la lotta politica deve intervenire! Da più di 80 anni parliamo di “nuovo profilo”…e va bene… ma io voglio essere l’unica figura che può produrre e mettere in commercio un dente! Poi possiamo parlare di tutto quello che volete, ma penso che questa sia una priorità assoluta per la nostra sopravvivenza e personalmente non voglio sprecare più un secondo del mio tempo che non sia rivolto a questo.

D. Sul nostro territorio, al Nord Ovest e più in generale al Nord, la concentrazione di laboratori è molto alta e le “microaziende” sono ancora la stragrande maggioranza. Molti sono convinti che il nostro tessuto imprenditoriale debba per forza cambiare. Pensi che gli odontotecnici italiani siano preparati al cambiamento, che peraltro è già in atto?
R. Si, anche io sono uno di quelli che pensa dobbiamo cambiare.
Sarà l’età, ma per affrontare da soli (e per soli intendo dire una sorta di “un uomo solo al comando”) il cambiamento che c’è in atto le energie cominciano a venir meno. Da soli si corre il rischio di effettuare investimenti sbagliati o strategie sbagliate e in un momento come questo mettere in pericolo tutti gli sforzi fatti fino ad ora. Il lavoro, tranne in alcune nicchie, è calato e si è portato dietro un pò di stimoli. Credo sia costruttivo, interessante e premiante riuscire ad accorpare più realtà lavorative, sia per ottimizzare gli acquisti che per differenziare i prodotti, ottimizzando sia le spese sia le forze lavoro che con fatica abbiamo formato negli anni.
Non so se gli odontotecnici italiani siano pronti a questo tipo di cambiamento, ma per quanto riguarda il mio territorio la risposta è negativa. Noi liguri per tradizione e cultura siamo diffidenti, un po’ “mugugnoni“ e ci lamentiamo spesso, ma preferiamo criticare piuttosto che cambiare.

D. Se le Associazioni, Antlo per prima, possono aiutare gli odontotecnici, lo possono fare ancora e soprattutto con la cultura. Quindi sta cambiando qualcosa anche nella figura dei relatori?
R. Antlo è stata per anni il faro culturale del nostro paese. Tutti, o quasi, sono partiti da lì e, a mio avviso, tutti hanno “preso“ da Antlo.
L’ultimo congresso nazionale tenutosi a Montesilvano, ha dimostrato con forza che sono le persone che formano un’associazione. Direi che, se si da ascolto ai problemi della base, se si dà il giusto valore alla storia di un associazione, se si motivano le persone e si cerca, anche a fatica, di ricreare entusiasmo e coesione, la risposta c’è! Siamo soli nei nostri laboratori e per alcuni l’associazione è l’unico momento di confronto. È nei momenti culturali che i colleghi si incontrano si parlano, anche lamentandosi, ma non si sentono soli.
Per quanto riguarda i relatori, ognuno ha un proprio modo di vedere le cose. Io credo che il relatore abbia, oltre il piacere di parlare ad una platea gremita, anche un dovere e cioè quello di non porre troppe barriere tra se stesso e la platea.
Il relatore, proprio per il ruolo che ricopre, oltre alle critiche da parte di alcuni, spesso gode della credibilità di chi lo ascolta. Quando, molto più giovane, andavo ad assistere a corsi e conferenze ricordo che alcuni, oggi grandi amici, riuscivano tramite i loro discorsi a farmi capire molto oltre la cuspide, cose come l’importanza dei problemi della categoria e la forza dell’aggregazione per affrontarli. Proprio per questo motivo, è importante che non ci si limiti ad una “esposizione della merce, ma si trasmetta il proprio sapere e il proprio messaggio a chi lo sta ascoltando. Anche in mezz’ora si può.

D. Domanda delicata. Le aziende produttrici puntano sul fatto che le nuove tecnologie ci consentono di produrre in tempi più rapidi e con minor costo. Molti colleghi si sono messi quindi a praticare prezzi ancora più bassi. Sei sempre stato una persona franca, dicci cosa ne pensi.
R. Penso che se il lavoro manca non è abbassando i prezzi che arriva, e se per caso arriva sei obbligato a lavorare sottocosto.Il risultato spesso è che lavorando sottocosto il problema lo allontani, ma resta e lavorare sottocosto è come avere una malattia, lenta, ma inesorabile. Oltretutto lavorare sottocosto per aumentare la produttività non aiuta a capire i motivi per cui hai perso il lavoro.
Sul fatto invece che con le nuove tecnologie i costi si abbattono non è del tutto vero. Intanto gli investimenti iniziali sono, date le dimensioni delle nostre aziende, abbastanza importanti. Investimenti che vanno inseriti nella gestione del laboratorio subito come costo e non come risorsa. Solo dopo altro investimento di tempo (la curva di apprendimento può essere a seconda dei casi molto ampia) siamo pronti per utilizzarle al meglio e far sì che diventino strumento per aumentare la produttività.
Altro aspetto da non sottovalutare sono i costi di gestione, costi nuovi ai quali non siamo abituati e fare profitto, soprattutto all’inizio non è semplice.
Le aziende devono capire un po’ da che parte stare e in questo la categoria deve cercare di essere compatta e qui riprendo i concetti in risposta alla prima domanda. Le nuove tecnologie hanno bisogno di essere guidate e i piloti siamo noi, non certo i dentisti. Solo l’odontotecnico è in grado di capire cosa occorre per rendere la macchina efficace e produttiva e non voglio certo essere io a formare i dentisti.
Se solo noi fossimo gli unici produttori di protesi il problema non sussisterebbe. A tal proposito non capisco perché io quando devo mettere in commercio un dispositivo medico su misura devo farlo in un laboratorio a norma, adempiere alla 93/42, mentre un dentista no.
Allo stato attuale delle cose comunque, e questo è un mio personalissimo pensiero, penso che avere in casa la tecnologia cad-cam  aiuti ad avere una visione diversa del lavoro, ci aiuti a pensare diversamente sul nostro futuro, un futuro che forse ci permetterà di poter ricevere in laboratorio un file sul quale lavorare, da qualunque parte, città o stato qualsivoglia sognare.
Un ultimo punto, sempre allo stato attuale delle cose, a me non fanno paura i dentisti che si fanno la coroncina, l’intarsietto o il provvisorio perchè quelli che ragionano cosi, personalmente non mi hanno mai dato il lavoro e quindi mai me ne toglieranno più di tanto. Ma non sopporto chi pensa di sostituirmi con una macchina, chi fa battaglie contro l’abusivismo da parte degli odontotecnici e poi pensa di fare lo stesso con me vantandosi pure. Per questo voglio una legge che tuteli il MIO lavoro, la MIA fatica, la MIA esperienza!
Grazie Davide per la tua disponibilità e per la tua franchezza, che certamente sarà apprezzata dai colleghi. Sei il terzo della serie e ci saranno altri interventi di odontotecnici “a Nord Ovest”. Assicuriamo tutti che saremo sempre in buona compagnia.

°       Nobilmag

°       MSC_2012 

°       Sirona Times

°     29°CONGRESSO_NAZIONALE_ANTLO_

29° CONGRESSO NAZIONALE ANTLO: L’EVENTO – VENERDì

Il 29° Congresso Nazionale Antlo di Montesilvano (PE), il primo della presidenza Maculan, inizia a suon di rock!

E ci rendiamo subito conto di essere parte di un momento di storia dell’Associazione. Siamo in oltre 700 a riempire la sala, fino all’ultima fila, nel momento in cui parte una presentazione musicale che anticipa i temi del congresso. Il Presidente Massimo Maculan sale sul palco e, in un atmosfera di grandissima emozione, si comincia.

Il presidente inaugurando il Congresso sottolinea la necessità della collaborazione con le altre associazioni perché i problemi sono comuni a tutti gli odontotecnici e quelle che sono le lamentele dei colleghi sono le nostre rivendicazioni. Casa Antlo è la casa degli odontotecnici italiani, aperta a tutti e da oggi ancora più forte per proporre cultura, aiutare i laboratori nella gestione quotidiana dell’attività e per difenderli nelle loro legittime pretese.

Il Presidente Andi Gianfranco Prada inizia la serie degli interventi dei numerosi ospiti che non hanno voluto mancare al nostro congresso. Prada riconosce l’elevata qualità dei laboratori Italiani e che la crisi dovuta al mutamento della situazione economica viene vissuta in modo differenziato nelle varie parti d’Italia.
Il presidente del corso di Laurea di Odontoiatria dell’Università di Chieti prof. Luciano Artese si augura di continuare il rapporto di sinergia con l’IPSIA perchè si possa crescere insieme con gli odontotecnici.
Gianfranco Berrutti presidente Unidi: in questi momenti difficili è importante sviluppare buoni rapporti tra le associazioni.
C’è la necessità di riaffermare l’eccellenza italiana in Italia e all’estero.

È poi il momento del presidente onorario Antlo Nicola Pilla.
È una festa, incontrare amici, avvicinarci, unirci. Negli anni ‘70 il tentativo di unire la categoria sfociò in Antlo. “Non pensavamo di costruire una associazione che durasse 40 anni” ricorda Nicola, “Quella di oggi è stata una tappa faticosa, ripescare quello che si era perduto, ritrovare visi lontani.” Sottolinea come Carrara, nel passato, sia stato un punto di incontro dove si sono unite Aitlo e Urtlo e come oggi Montesilvano possa diventare una tappa fondamentale nel percorso dell’associazione.
Lanfranco Santocchi, presidente di seduta, introduce i lavori congressuali ricordando che è la prima volta che un congresso così importante si svolge in Abruzzo e come il rapporto umano e la passione per il lavoro siano le molle principali per ogni progresso personale e professionale.

Piergiorgio Bozzo ringrazia la sala strapiena, momento importante per tutti e la sala omaggia Eugenio Buldrini, assente per motivi di salute, di un inteso applauso: Eugenio sarà presto ancora tra noi. Bozzo ci propone un video dedicato ai personaggi e ai momenti storici dell’associazione: è un forte richiamo all’unità. 

La prima relazione tecnica è tenuta da Davide Dainese “Come il laboratorio odontotecnico vive la quotidianità dell’EBD nella clinica”.
Dopo uno sguardo al passato fatto di faccette in ceramica incollate ora si propone un approccio al paziente diverso. L’estetica viene accuratamente progettata e condivisa con il paziente tramite uso di mockup e spettrofotometro digitale. Tutta la produzione avviene in laboratorio con un sistema CAD-CAM completo di scanner e fresatrice per avere il massimo controllo sul risultato finale. Ma non sempre le condizioni sono favorevoli e Davide consiglia di non promettere quello che non si può fare.

Aldo Zilio è il secondo relatore di giornata.
Con “Nuove dimensioni estetiche nelle grandi riabilitazioni implantari” ci parla della sua analisi dei denti naturali in luce diretta e luce trasmessa, dinamica della luce con zirconia, stratificazione biodinamica per arrivare ad un confortante confronto dente naturale-zirconia. L’evoluzione è verso zirconia ad alta traslucenza.  La tecnica d’elezione secondo Zilio é: monolitico sui posteriori e stratificazione sugli anteriori. Segue una serie di lavori in zirconia bellissimi!

Giancarlo Barducci è autore di una Lectio magistralis “La riabilitazione protesica: aspetti  estetici e funzionali”. Ci introduce alla tecnica di analisi estetica che suddivide in facciale, dentolabiale, fonetica, dentale e gengivale.
L’analisi funzionale comprende, l’utilizzo di mockup e provvisori diagnostici. Giancarlo valuta la resistenza della zirconia nei confronti del disilicato e ci propone tecniche di ricostruzione estetica come le faccette minimamente invasive.

La sezione “Palcoscenico” è stata creata per mettere in luce i relatori più giovani o esordienti.

Inizia la serie di presentazioni Fabrizio Guacchione con un video molto dinamico di ringraziamento ai maestri che gli hanno consentito di raggiungere ottimi traguardi nella professione. “Protesi implantare senza dimenticare la protesi mobile” è la sua proposta. Fabrizio pone l’accento sull’analisi delle radiografie che consentono di ricavare preziose informazioni per il progetto della protesi finale con un occhio anche ai costi che in questo periodo di crisi possono fare la differenza. La sua tecnica prevede l’utilizzo di mascherine chirurgiche e dime implantari per consentire la tecnica di chirurgia guidata al chirurgo.

Marco Stoppaccioli “Riabilitazioni dento-scheletriche in zirconia nei mascellari atrofici” ci permette di apprezzare la differenza tra edentulia immediata, imminente e stabilizzata e di come intervenire a seconda delle situazioni per ricostruire con zirconia la massa scheletrica persa.

Roberto della neve “Restauri estetici mini-invasivi” ci porta ad analizzare le varie fasi e le possibilità di ricostruzione estetica di elementi dentari con minimo sacrificio di tessuto e senza interferire con il parodonto. “Tutto molto bello!” direbbe Pizzul e lo diciamo anche noi! Grazie a tutti! Ci avviamo verso l’ora della Cena Sociale che sarà un piacevolissimo momento di svago e convivialità. Domani la seconda parte del Congresso saprà stupirci ancora una volta.

°       odontoiatria33 

“Le Nuove Tecnologie: riflessi clinici, gestionali e comunicativi, nello studio dentistico e nel laboratorio odontotecnico” è stato il titolo della terza edizione del Dental Forum, svoltosi sabato 5 ottobre ad Asti organizzato dalla sezione locale di ANDI e di CNA/SNO.
Un tema particolarmente attuale che sta interessando e preoccupando allo stesso tempo dentisti ed odontotecnici.
Il prof. Roberto Scotti (Università di Bologna)  ha ribadito che siamo  in piena era digitale, e il CAD CAM (Computer Aided Design- Computer-Aided Manufacturing) rappresenta la migliore soluzione per  la  realizzazione di un manufatto protesico. L’impronta  digitale in vitro ha oggi raggiunto una elevata qualità e ripetibilità del dettaglio, sono eliminati i cofattori condizionanti il risultato di una impronta tradizionale quali la scelta dei materiali e la loro lavorazione o le variabili legate al fattore umano. “Per valutare i risultati clinici -ha detto il prof. Scotti- stiamo eseguendo studi  longitudinali che attestino la durata delle riabilitazioni in vivo di controllo”.
Il dott. Cesare Robello ha messo in evidenza  che le procedure restaurative, se eseguite utilizzando le tecnologie digitali, permettono di ottenere risultati predicibili e costanti  e  rendono più efficace la comunicazione con il paziente.

Alessandro Arcidiacono, Davide Dainese e Franco Schipani hanno portato l’esperienza delle nuove tecnologie nel laboratorio odontotecnico dove l’innovazione digitale sta rivoluzionando il modo di produrre dispositivi protesici ma ha anche aperto nuove problematiche in merito all’esclusività della costruzione della protesi da parte dell’odontotecnico che con l’avvento digitale, ed alcune interpretazioni normative, sembra possa essere messa in discussione.

Dopo la parte clinica si è svolta la tavola rotonda, moderata dal Coordinatore di odontoiatria33 Norberto Maccagno, ha coinvolto il presidente ANDI Gianfranco Prada, Roberto Callioni Coordinatore del Centro Studi ANDI, Erika Leonardi consulente formatrice ed esperta di gestione dei servizi.

Dagli interventi è emerso che l’utilizzo delle nuove tecnologie negli studi e nei laboratori è in forte crescita, nonostante il periodo di crisi in cui viviamo. Innovare vuol dire offrire un servizio migliore e restare più competitivi sul mercato ed essere pronti quando usciremo dal tunnel della recessione.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista

This is a unique website which will require a more modern browser to work! Please upgrade today!